domenica 7 ottobre 2007

Attacco Cardiaco


Questo post riguarda una delle patologie più gravi in cui una persona possa incappare, la mia fonte cita nomi e cognomi, io, per ovvie ragioni di privacy, non essendo autorizzato a divulgare tali dati riporterò solamente le notizie più importanti che potrebbero divenire utili.
Questo è un documento scientifico molto interessante, ed esorto il lettore a non prendere come una burla quanto potrà leggere nel post!
RICONOSCIMENTO DI UN ATTACCO CARDIACO
Durante una festa tra amici, una persona cade improvvisamente a terra. le si offre di chiamare l'ambulanza ma, rialzandosi, suddetta persona dice di essere inciampata con le scarpe nuove in una pietra. Siccome è pallida e tremante, gli amici l'aiutano a rialzarsi, le danno una mano a ripulirsi e sistemarsi. Il resto della festa passa via tranquilla e in allegria.
Successivamente giunge una telefonata da amici che avvisano gli altri festeggianti del fatto che la persona che ad inizio della festa era inciampata, era stata accompagnata al pronto soccorso. Poco più tardi la tragica notizia, la persona in questione è deceduta.
Se gli amici avessero saputo riconoscere i segni di un attacco cardiaco con ogni probabilità sarebbe ancora viva!
La maggior parte delle persone colpite da infarto non muoiono immediatamente, ma restano bisognose d'aiuto in una situazione disperata.
Un neurologo sostiene che se si riesce ad intervenire entro 3 ore dall'attacco si può facilmente porvi rimedio ed evitare conseguenze letali.
Il trucco è riconoscere per tempo l'attacco cardiaco, riuscire a diagnosticarlo, e portare il paziente entro 3 ore in terapia.
Nei prossimi 4 punti vi sono delle indicazione molto utili sui segni e sintomi di un infartuato.
  • chiedere al paziente di sorridere (non ci riuscirà)
  • chiedere di pronunciare una frase completa (non ce la farà completamente)
  • chiedere di alzare le braccia (non ce la farà o solo parzialmente)
  • chiedere di mostrare la lingua (se è ingrandita o viene mossa parzialmente o lateralmente è sintomo di attacco)
Se uno o più di questi sintomi si presentano, il paziente va portato subito al pronto soccorso!

La mia fonte è stata il Prof. VALERIO VALERI CALDESI del Dipartimento di FISIOLOGIA e CHIMICA BIOLOGICA dell'università di Padova

8 commenti:

Laura ha detto...

Evviva il Capraz!!! scherzi a parte.. è una cosa seria quella che hai scritto, magari a qualcuno potrebbe tornare utile l'aver letto questo post. di sicuro hai reso felice Caldesi!!

Paolo ha detto...

Complimenti caro Giorgino!!!molto interessante e utile l'articolo!in effetti non avevo mai letto in nessun testo questi 4 semplici ma utilissimi segni per riconoscere l'infarto miocardico, aldilà dei canonici segni e sintomi codificati dalla clinica (senso di peso in epigastrio sx irradiato a dx e alla spalla e braccio sx, astenia e affaticamento pronunciati).
Bravo! nelle emergenze mediche risulta determinante agire SUBITO MA NEL IN MODO CORRETTO: la maggior parte dei decessi in seguito a incidenti stradali ad esempio avveiene in quanto i primissimi soccorritori (di solito passanti o altri automobilisti) non sanno come affrontare la primissima emergenza prima dell'arrivo dei soccorsi! In alcuni casi (come nel caso di fenomeno ischemico acuto cerebrale) sono determinanti solo I PRIMI 3-4MINUTI post-trauma! Questo per dire che educare la massa ad affrontare le emergenze è fondamentale perchè in questo modo SI POTREBBE EVITARE una buona parte delle morti che avvengono subito in seguito all'evento traumatico!!! Visto inoltre che in Italia non esiste un corso obbligatorio di primo soccorso come in altri paesi (come la Svizzera ad esempio dove per prendere la patente devi superare tre prove: codice della strada come qui, ma anche appunto primo soccorso ed ecologia) ben vengano tutte le iniziative che possano sopperire a questa mancanza tipicamente italiana (ma non solo italiana purtroppo!!!)
Bravo, ottimo lavoro: aspettiamo altri articoli così!!!

Giò ha detto...

Grazie! non mancherò di esaudire i tuoi desideri di articoli a sfondo scientifico!
ho apprerzzato molto anche il tuo commento!

laura bis!! ha detto...

Giorgino..non è che ti stai montando un pochino la testa dopo aver registrato fisio???:)

Giò ha detto...

no, io mantengo sempre la parola data, avevo promesso al capra di aiutarlo a diffondere la notizia, ed acco qua!

SiMoNe ha detto...

Cazzo! i blog crescono come i funghi ultimamente!
a parte gli scherzi, la tua è una grande iniziativa, che lascia trasparire tutta quella generosità (ed è tanta) che nascondi umilmente al pubblico.
post come questi sono di inestimabile utilità, soprattutto per me che non mastico medicina tutti i giorni (Paolo! parla potabile cazzo!).
Ugualmente voglio dire la mia (forse deformata professionalmente più di quella di paolo): occhio agli errori di grammatica! :-)

ciao vecchio!

Giò ha detto...

Grazie Simone, hai espresso delle parole molto belle, e ciò mi fà molto piacere! COSA CI VUOI FARE, ERRARE è UMANO! :-) :-P

Ludovica ha detto...

Ciao, questa era una mail che circola da un po' di tempo. Non voglio "rompere" ma solamente dirti che, dato che il tuo scopo è quello di divulgare un po' di informazioni di base, ti conviene controllarle prima molto accuratamente. Faccio ambulanza da anni, e ti posso garantire che chi ha avuto un infarto (e si è ripreso) sorride e parla molto meglio di me! Se ti interessa l'argomento, ti posso consigliare un testo se vuoi, si intitola "emergenze mediche extraospedaliere".
Purtroppo gli unici segni sono il forte dolore toracico che irradia al braccio sinistro e talvolta a mandibola e stomaco, sudorazione fredda, debolezza e nausea.
Di conseguenza, se il tipo che ha detto di essere inciampato avesse detto "ho male al petto" forse sarebbe ancora vivo. Ad ogni modo se il paziente ha male in una zona compresa fra l'ombelico ed il collo, CHIAMARE IL 118 (anche se ci svegli alle 3 di mattina, noi volontari non abbiamo mai ucciso nessuno, un infarto sì).
Ad ogni modo, non voleva essere una critica ma solo una precisazione: se diamo delle info, cerchiamo di darle più corrette possibile!
Complimenti per l'idea di divulgare un po' di notizie, è davvero ammirevole. Se ti posso essere utile, contattami pure.
A presto e buona fortuna col tuo blog! ;-)